Stai rendendo giustizia alla tua stessa complessità?

La ricerca di Taleb sulla casualità esplora il concetto di fallacia narrativa , che è la tendenza a trasformare realtà complesse in narrazioni facilmente comprensibili.

Per intrecciare spiegazioni nei nostri comportamenti, creare storie che aiutino a spiegare le nostre personalità e sovrapporre modelli nelle nostre vite per ridurre le dimensioni delle cose.

Non c’è da meravigliarsi che sia chiamato un errore.

Perché le nostre vite raramente sono così semplici e pulite. Sono disordinati, complicati, sfaccettati e mancano della soddisfazione cinematografica della chiusura.

Ecco perché scrivo canzoni usando accordi sospesi. Perché il loro suono è aperto e irrisolto. C’è una dissonanza musicale che crea tensione nell’identità emotiva della canzone.

Joni me lo ha insegnato molti anni fa. Diceva che il suo gusto per gli accordi sospesi derivava dal fatto che rappresentavano il dubbio. Erano accordi di indagine, come le piaceva chiamarli. Non maggiori o minori, ma avevano una vena di dissonanza che li attraversava. E ciò ha permesso al cantautore di raffreddare il cuore dell’ascoltatore lasciando una melodia appesa con sospensione alla fine.

È una bellissima metafora della vita. Un invito per ognuno di noi a sentirsi più a proprio agio con la propria complessità.

Anche se ciò significa cambiare le nostre menti e superare le nostre convinzioni ed evolvere i nostri sistemi di valori.

Moore aveva ragione quando affermava che la semplicità era semplicemente un edificio difensivo contro il potere purificatore del mistero.

Lascia che ti chieda questo …
Stai rendendo giustizia alla tua stessa complessità?

* * * *

Scott Ginsberg
Quel ragazzo con il Nametag
Autore. Speaker. Stratega. Inventore. Filmmaker. Editore. Songwriter.
[email protected]
www.nametagscott.com

Acquista il mio ultimo devozionale!

A Year in Hot Yoga: 365 meditazioni giornaliere per accendere e spegnere il tappetino .

Ora disponibile ovunque vengano venduti libri.

Namaste.